Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.

LE ROSE

LE ROSE
Le rose sono il fiore più amato.

Ne esistono diverse tipologie
– Cespugliose, tra le quali troviamo: le Grande fiore, le Inglesi, le Polianta e le Antiche;
– Tappezzanti, tra le quali: rose miniatura e coprisuolo;
– Rampicanti;
– Alberello.

Le rose cespugliose si sviluppano uniformemente sia in larghezza che in altezza e non raggiungono dimensioni eccessive, soprattutto se coltivate in vaso. Sono caratterizzate da un’elevata produzione di fiori ad eccezione delle varietà antiche. Sono consigliate per la realizzazione di bordure basse oppure per singoli cespugli all’interno di giardini. In vaso si adattano bene a balconi e terrazzi, prestando attenzione all’eccessiva esposizione ai venti.
Tra le rose cespugliose troviamo i rosai Grande fiore o Ibridi di Tea. Queste rose derivano dall’unione tra le rose europee, caratterizzate da un’intensa profumazione, e le rose cinesi, con una fioritura ininterrotta nell’arco di tutto l’anno. Ad oggi queste varietà coniugano un’intensa profumazione, una notevole dimensione dei fiori e una fioritura continua da aprile a novembre in condizioni ottimali.

Le rose inglesi sono varietà selezionate a partire dagli anni ’70 che uniscono le caratteristiche di bellezza delle rose antiche con le moderne Tea e Floribunda. Come esposizione preferiscono ambienti leggermente più in ombra delle Grande Fiore, ma alcune varietà si adattano bene anche ai nostri giardini mediterranei.

Le rose polianta presentano un gran numero di fiori raggruppati, a mazzetti e sono quindi molto consigliate per bordure e aiuole per il bell’effetto cromatico.

Le rose antiche derivano dalle rose europee medievali. Tra i caratteri specifici presentano intensa profumazione, colorazione prevalente sui toni del rosa e fiori con molti petali. Hanno generalmente un’unica fioritura in primavera.

Le rose tappezzanti sono arbusti con portamento basso e fogliame denso. Presentano fiori più piccoli delle varietà cespugliose, raccolti in mazzetti. Solitamente hanno una fioritura generosa e lunga, fino ai primi freddi invernali. Richiedono una manutenzione inferiore rispetto ad altre varietà e sono ottime per balconi o zone da cui si vuole creare una cascata ricadente di fiori, al di sopra di muretti, per bordure basse e per la coltivazione in vaso. Le varietà con portamento prostrato sono ottime anche come coprisuolo.

Le rose rampicanti sono piante che, grazie alla loro altezza, permettono diverse modalità di utilizzo. Sono caratterizzate da steli semi-legnosi molto ramificati e flessibili. Sono perciò molto indicate per decorare porticati, archi e muri, con il supporto di canne o pergolati. Al pari delle rose cespugliose presentano diversi tipi di fiori accompagnati da diverse gradazioni di profumazione.

Le rose ad alberello sono piante che vengono innestate su un fusto legnoso alto, in modo tale che la fioritura avvenga a partire da un’altezza di circa 1,50-1,60 metri. Solitamente sono le varietà cespugliose ad essere utilizzate per questo tipo di innesti, riprendendone quindi tutte le caratteristiche.
 
CURA DELLE ROSE


Irrigazione delle rose
Le radici soffrono molto il ristagno di acqua, dando luogo ad un problema noto come “asfissia radicale”. Per questo è consigliabile dare poca acqua frequentemente, una volta a settimana nella stagione estiva e a settimane alternate in quella invernale.

Concimazione delle rose.
E’ importante ripetere la concimazione organica ogni anno con concime specifico per rose. Il terreno deve rimanere sempre ben nutrito con le sostanze di cui le rose hanno bisogno, come azoto, fosforo, ferro e potassio.

Malattie delle rose
Proprio per la loro delicata natura, le rose sono soggette a diverse malattie dovute a cause differenti.
  • malattie parassitarie da fungo, come la ruggine delle rose, il mal bianco, la ticchiolatura, la peronospora, il marciume basale o la muffa;
  • malattie da insetti o parassiti animali, come i pidocchi (o afidi), gli argidi, le cocciniglie, le cicaline e i ragnetti rossi;
  • malattie ambientali, dovute alla scarsa cura delle rose e da problemi derivanti dalla nutrizione e dall’irrigazione.
 
Malattie delle rose: i funghi
Ruggine delle rose
Colpisce le foglie, che dal verde intenso passano ad una colorazione arancione disomogenea. Le macchie tendono a scurirsi passando in breve tempo al marrone scuro, proprio come la ruggine. Generalmente si presenta in primavera ed è dovuta ad un’eccessiva umidità.
Come eliminare la ruggine delle rose. Alla comparsa della ruggine è necessario far ricorso ad un prodotto antifungino, generalmente a base di rame se il trattamento avviene in inverno, a base di poltiglia bordolese in primavera. Se la soluzione chimica non è fra quelle che si preferiscono, l’unico altro metodo è potare le parti della rosa infette, ma non è detto che le spore non siano rimaste depositate alla base della pianta e non vadano ad intaccare altre foglie.

Mal bianco o oidio delle rose
L’oidio, conosciuto anche come mal bianco, è di facile riconoscimento: una patina bianca si propaga velocemente sulle foglie a causa di un fungo, la Sphaerotheca Pannosa. Si sviluppa in autunno, nei luoghi in cui le temperature sono particolarmente umide.
Come eliminare l’oidio delle rose. Essendo un fungo a propagazione molto veloce, è indispensabile prestare la massima attenzione ed eliminare le parti malate della pianta quanto più velocemente possibile. Tuttavia, per prevenirne completamente la comparsa, è consigliabile eseguire dei trattamenti ad hoc con preparati a base di zolfo.

Peronospora delle rose
Anche la peronospora delle rose è una malattia derivata da un fungo che vive in condizioni di alta umidità. Le foglie vengono colpite con macchie scure fino a diventare foglie gialle.
Come eliminare la peronospora delle rose. Il metodo più efficace è quello chimico/biologico. Applicare un prodotto a base di rame e controllare l'umidità sono due accorgimenti sufficienti per prevenire la comparsa del fungo.

Ticchiolatura delle rose
La ticchiolatura si presenta in forma simile alla perenospera, con macchie violacee sulle foglie più giovani che finiscono per accartocciarsi e morire. Si sviluppa in zone particolarmente piovose essendo provocata da ristagni idrici.
Come eliminare la ticchiolatura delle rose.  I prodotti a base di rame aiutano a prevenire la comparsa della ticchiolatura durante i periodi di riposo della pianta.

Malattie delle rose: parassiti animali e insetti
Pidocchi delle rose (o afidi delle rose)
Di colore nero o verde, questi insetti sono attratti dal buon odore delle rose e creano diversi danni, succhiando la linfa vitale e indebolendo le piante.
Come eliminare i pidocchi delle rose. Il metodo più efficace è quello chimico/biologico.

Argidi delle rose
Si presentano come larve che si nutrono delle foglie, privando così la pianta della fotosintesi e portandola alla morte.
Come eliminare gli argidi delle rose. Il trattamento va effettuato quando le larve sono nella fase iniziale, e il miglior trattamento è chimico/biologico. Fra i rimedi naturali più indicati si ritrova il piretro naturale. E' altrettanto efficace la rimozione manuale, togliendo poi le foglie e i fusti colpiti.

Cocciniglie delle rose
Le cocciniglie sono piccoli insetti bianchi che attaccano ogni parte della rosa, dalle foglie ai fusti. Si nutrono della linfa e si propagano anche su altre piante, quindi è importantissimo eliminarle in tempo.
Come eliminare le cocciniglie delle rose.  Il trattamento va effettuato con olio bianco.

Ragnetti rossi delle rose
I cosiddetti ragnetti rossi, ovvero gli acari Tetranychus urticae, sono gli stessi che appaiono su terrazzi, mattoni esterni e giardini durante il periodo estivo.
Normalmente sono innocui, ma un’alta concentrazione può portare al disseccamento delle foglie con conseguenze per la fotosintesi, e quindi della vitalità, delle piante.
Come eliminare i ragnetti rossi.Utilizzare prodotti acaricidi chimico/biologici.


 

Informazioni

VIVAI SALMASO - Creative garden center

  •   V. Rovigana, 49 - 35043 Monselice (PD)
  •   info@salmasogarden.it
  •   (+39)0429.709405
  •   P.IVA 00579250283

Iscriviti alla Newsletter

Orario apertura

  • dal lunedì al sabato
     8:30-12:30/15:00-19:30
  • Domenica 9:00 - 13:00
  • Orari straordinari
    APERTO Mercoledì 1 Maggio 9.00-13.00

Gallery Fotografica

Prossimo Evento

NATALE 2018
2
1
6
Days
0
0
Hours
1
0
Minutes
4
5
Seconds